Pavimenti in graniglia o parquet in legno? Pro e contro

(pinterest)
 

Ogni città possiede precise caratteristiche che distinguono le case che la compongono, definite da rivestimenti e decori comuni. A Genova, la città in cui lavoro prevalentemente per progetti di ristrutturazione, gli ingressi “alla genovese” sono spaziosi e tendenzialmente quadrangolari, i soffitti alti, e i pavimenti sono in graniglia, di colore rosso, corda e antracite, con disegni geometrici o decori floreali.

Stato attuale di un progetto in corso di ristrutturazione

E’ una scelta giusta mantenere i rivestimenti originali? Sono molti i clienti dubbiosi, ma la risposta non può essere unica, e dipende da molti fattori, strettamente personali e soggettivi, tra cui:

  • estetica. La fantasia, il disegno crea un pattern, quindi deve essere in linea con i propri gusti, perciò valutate bene l’effetto che può avere sul’immagine generale della casa, assieme agli arredi e ai colori che avete scelto
  • manutenzione. Essendo un materiale di orgine naturale è bene vautare la sua porosità e tutti i pro e contro, di cui vi racconterò tra poco
  • legame affettivo e storico. Entrati in casa c’è una sorta di legame unico tra persona e spazio. Spesso i rivestimenti incidono molto su questo aspetto, tirando fuori dalla storia del luogo un pathos speciale che lega la casa a chi la vive.
  • stile colori. Valutate con attenzone gli arredi che inserite nella vostra casa, per evitare contrasti (Qui sotto un aiuto per realizzare una moodboard)
 

 

 

Il fascino della graniglia è travolgente, soprattutto in presenza di ricchi decori, tuttavia in caso di molteplici spostamenti murari o di pavimenti in cattivo stato, è consigliabile la sostituzione o copertura.

Ma in che cosa differiscono legno e graniglia, quale materiale è migliore dell’altro e perchè? Ecco le risposte a tutte le vostre domande. Iniziamo dal principio.

 

Graniglia 

Progetto Giulia Grillo architetto, Mosaico (Link al progetto completo)

E’ un materiale originariamente povero, dal grande potere grafico, che permette di realizzare disegni unici e preziosi.

Conosciuta in tutto il mondo con nomi differenti, da terrazzo tiles a baldosa, è’ una tecnica antica che, sfruttando materiali di recupero, di provenienza diversa, come scarti di rivestimenti marmorei, ciottoli e in alcuni casi pietre più preziose, permette di realizzare tappeti decorati famosi per i loro colori smorzati e le gamme floreali o geometriche.

Casa: soluzioni hi-tech per interni anni '30 - Cose di Casa

Cose di Casa

Origine e decoro

Progetto Giulia Grillo architetto, Mosaico (Link al progetto completo)

E’ una tecnica appresa nel XVII secolo dai veneziani, che per sfruttare le materie prime di alta qualità, studiarono un metodo per legare insieme schegge marmoree attraverso cemento ed inerti a granulometria differente. 

Sono molte le possibilità di decorazione che rendono le singole stanze vere e proprie camere di pregio, basti pensare alle bordure, ai tappeti puntinati che arricchiscono le tinte unite esterne, o ancora ai delicati fiori merlettati. 

Gli ornamenti si suddividono in floreali, tendenzialmente realizzati a inizi del novecento -stile Liberty-e  in decori futuristici, compresi tra gli anni 30 e 50, che prediligono geometrie e forme movimentate.

Manutenzione

Pavimentiallagenovese

La manutenzione ordinaria del pavimento è semplice, richiede gli stessi passaggi di un pavimento in ceramica, tuttavia a causa della porosità del materiale, la ceratura e lucidatura, indispensabili per rimuovere aloni e dare nutrimento al pavimento, è una fase indispensabile e molto dispendiosa, da eseguire almeno una volta al mese, che richiede molto tempo. 

Fate attenzione alle sostanze acide, che se a contatto con il marmo senza la stesura del sigillante chimico, macchiano in maniera permanente.

Un nuovo ritorno al passato

Livingetc

Ultimamente molte persone stanno riscoprendo i pregi di questo rivestimento, apprezzandone i colori (link articolo pavimenti rossi in cotto), merito anche dei trattammenti moderni che li rendono meno assorbenti rispetto alle macchie, ma anche alle finiture più opache che permettono di escludere la manutenzione a lucidatura.

Designmag

Pro&Contro- Graniglia

PRO

bellezza e stile

vastità di colore

personalizzazione del decoro

riflessione della luce

resistenza: essendo un materiale molto duro, resiste bene a pressioni esterne, carichi pesanti e trascinamenti.

capacità di modellazione: essendo un materiale tenero può essere tagliato a misura senza sgretolarsi

CONTRO

accostamenti di colore. Le tinte rosse e gialle influiscono molto sulla palette di colore, spesso vincolando a scegliere un colore specifico per le pareti

temperatura. In inverno risulta molto freddi, soprattutto se si cammina scalzi 

vulnerabilità agli acidi. Reagisce facilmente all’aceto, limone, vino, pertanto ogni caduta risulta pericolosa a causa della sua porosità

ingiallimento. Contenendo del ferro, il marmo può ingiallire nel tempo. Questo è il motivo per cui spesso alcuni tinte giallastre non mantengono il proprio tono, perdendo la naturale colorazione nel corso degli anni 

tagli o ripristini possono essere difficioltosi. I marmi possono essere riprodotti con altri materiali nuovi, tuttavia non si avrà mai la stessa gamma di inerti e cementi, pertanto solo con una buona mano espert si possono realizzare pezze uniformi.

 

Parquet

clemarounthecorner

 

Il pavimento in parquet è un’ottima scelta per gli spazi interni di casa, poichè permette di aggiungere calore a ogni spazio generando un confort termico! Dona un aspetto elegante e accogliente alle case, a differenza delle piastrelle più fredde. Valutate però con attenzione il design, la consistenza, il colore e la qualità per ottenere un risultato finale elevato.
 
rockmystyle

styledideasdirect

 

 
trendir

Per quanto riguarda la resistenza all’acqua vi riando a questo articolo che affronta il tema umidità (link all’articolo).

 

Pro& Contro- Legno

PRO

adattabilità a qualunque stile 

facile installazione

bellezza senza interruzioni. Aggiunge calore e bellezza all’ambiente, indipendentemente dal periodo in cui è stato realizzato ( il fascino dei masselli d’epoca è unico). Inoltra garantisce continuità nel passaggio da una stanza all’altra, senza stacchi di colore o forma.

facilità di manutenzione. La cura è davvero semplice, sia per quelli verniciati che per quelli oliati-che richiedono una manutenzione straordinaria annuale

materiale durevole. Se curato adeguatamente, prevenendo l’umidità, il parquet resta intatto per molti decenni

atemporalità. La sua bellezza nel tempo è unica. Il suo colore può essere modificato nel tempo con una nuova levigatura e riverniciatura, risultando un materiale del tutto nuovo

calore. E’ una superficie piacevole sulla quale camminare, calda al tatto. Offre inoltre un calore visivo che rende l’ambiente meno sterile e freddo rispetto alle pietre e ai gres porcellanati

 CONTRO:

segni: i graffi sono semplici da realizzare, essendo il legno morbido. Può essere difficile e a volte costoso riparare la pavimentazionese, ma se lo si apprezza per la sua natura si amano anche i suoi difetti

variazioni di colore. La luce del sole modifica l’originale gamma del legno, a volte ingiallendolo, spesso schiarendolo. 

teme l’acqua. Per quanto viva in un ambiente umido, si danneggia se esposto per un lungo periodo di tempo a un’ eccessiva umidità. Basterà fare un po’ di attenzione nelle zone umide, e non lasciare il pavimento bagnato durante la pulizia per non rovinarlo (Link all’articolo parquet in bagno).

Quali scegliere?

Heju

L’eleganza del marmo è indiscutibile, d’altra parte è una pietra molto delicata che richiede una particolare cura. Il legno ha una pulizia molto semplice e la sua uniformità unita al suo calore lo rendono ancora uno dei materiali preferiti.

Il mio consiglio è di scegliere valutando lo stato di conservazione in cui si trova ogni pavimento, ma soprattutto le proprie abitudini e il risultato finale di ogni stanza!

readcereal

 
Marcantetesta
 
 
Condividi su pinterest
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ciao sono Giulia, architetto d'interni con la passione per l'arte contemporanea.

Mi occupo di interni residenziali, e credo molto nel concetto di architettura sartoriale, per abitazioni su misura per ogni persona. La mia passione per l’arte ha fatto nascere arthome, che include l’arte nelle dimore ed è fonte di ispirazione quotidiana.

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici dalle terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui